Videoenciclopedia della caccia al cinghiale
Videoenciclopedia della caccia al cinghiale

Come favorire l'interiorizzazione del NO

Tralasciando le strategie che prevedono l’utilizzo del collare di addestramento, perché non tutti ne condividono l’uso, ecco a titolo di esempio  alcune modalità per  portare il cane ad interiorizzare il  “no”:

  • scuotere il cucciolo tenendolo per la collottola e sollevandolo leggermente da terra;
  • percuotere il muso del cucciolone tenuto al guinzaglio con un foglio di quotidiano arrotolato;

 

Ricordare sempre che durante la fase di interiorizzazione la parola ”no” va pronunciata ad alta voce  e con un tono di rimprovero  molto deciso.

 

  • Esempio:  Esecuzione del seduto.

 

Situazione:  Richiesto il seduto, il cucciolone al guinzaglio esegue, ma dopo qualche attimo  non regge e si muove.

 

Attuazione: Appena in cane si muove, si somministra  l’input correttivo verbale: <<no>> con un fermo tono di rimprovero. Contemporaneamente gli si percuote il muso con un giornale arrotolato, tenendolo bloccato con l’altra mano perché non scappi spaventato.

Si ordina immediatamente  il seduto ed  appena il cane ha riacquisito la posizione corretta si rinforza con il “bravo” e con le carezze  sul capo.

 

Autori:

  • Franco Serpentini
  • Stefano Quercetani
  • Aurelio Pase

Collaborano:

  • Carlos Antuñano Diez
  • Mihajlo Hadži-Pavlović
  • Fausto Pezzedaz Trentini
  • Gianluca Petrucci
Ghermire una vita, a qualsiasi specie animale appartenga, è sempre un atto di responsabilità estrema e, o lo si compie con bestiale inconsapevolezza, cosa che non ci rende uomini, o ci si interroga ed allora bisogna darsi risposte profonde.
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Franco Serpentini Via Ponte San Giovanni 36 64100 TERAMO