Videoenciclopedia della caccia al cinghiale
Videoenciclopedia della caccia al cinghiale

La formazione

La differenza tra educare ed addestrare è sostanziale. Ambedue sono processi inalienabili nella caratterizzazione del nostro soggetto.

  • Attraverso l’educazione se ne forma e se ne rinforza il carattere, se ne correggono gli atteggiamenti e se ne esaltano le peculiarità e gli istinti.
  • Attraverso l’addestramento, invece, si insegna al cane a dare risposte  precise e rapide ad ordini ben precisi e finalizzati.

 

 

 

 

Durante i processi educativi, sarà soprattutto la permanenza regolare con noi che contribuirà ad aumentare la sua capacità di avere un rapporto sinergico. In questa fase il ricorso al gioco è determinante per stimolare gli istinti. Il cane imparerà a capirci, ad ascoltarci, a guardarci  negli occhi, a riconoscere i nostri gesti e i nostri atteggiamenti per anticipare le nostre mosse. Si educa giorno per giorno. Il cane ben educato conoscerà ed interiorizzerà il significato di  un maggior numero di parole funzionali per il vivere quotidiano.

 

  

 

 

 

 

 

 


Man mano che progredirà sul piano educativo, si potrà procedere alla graduale somministrazione dei processi di addestramento, badando bene a rispettare nella forgiatura dei riflessi condizionati le soglie di sviluppo della sua età evolutiva.

Poiché l’attecchimento dei  processi di addestramento  dipende dall’età e dal grado di maturazione raggiunto in riferimento ad un determinato stimolo, somministrare processi di addestramento quando le rispettive soglie di maturazione non sono state superate è inopportuno.

Con l’addestramento il cane arriverà a  comprendere il significato dei comandi, ad interiorizzarli per eseguirli quasi in automatico. 

Quando i comandi e le risposte necessarie saranno state interiorizzate correttamente, il cane inizierà ad anticipare le  richieste del conduttore, con atteggiamenti standard in situazioni standard.  Il cane ben addestrato è prevedibile, perché sarà prevedibile il suo comportamento standardizzato per quella determinata situazione. 

Autori:

  • Franco Serpentini
  • Stefano Quercetani
  • Aurelio Pase

Collaborano:

  • Carlos Antuñano Diez
  • Mihajlo Hadži-Pavlović
  • Fausto Pezzedaz Trentini
  • Gianluca Petrucci
Ghermire una vita, a qualsiasi specie animale appartenga, è sempre un atto di responsabilità estrema e, o lo si compie con bestiale inconsapevolezza, cosa che non ci rende uomini, o ci si interroga ed allora bisogna darsi risposte profonde.
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Franco Serpentini Via Ponte San Giovanni 36 64100 TERAMO