Videoenciclopedia della caccia al cinghiale
Videoenciclopedia della caccia al cinghiale

L'inserimento in equipaggio di un nuovo soggetto

E’ necessario che ogni nuovo arrivato venga introdotto per gradi nell’equipaggio, monitorandone gli adattamenti nell’intreccio delle relazioni.

Una muta ben strutturata  anche dal punto di vista relazionale offre prestazioni migliori. E l’equilibrio relazionale s’inizia a costruire nel box. Le mute che non hanno imparato a condividere spazi vitali non sanno nemmeno lavorare al meglio durante le azioni venatorie. I cani che si rifiutano o si odiano possono arrivare persino ad ignorare il selvatico, se nei paraggi c’è il loro antagonista. Due cani che si odiano possono arrivare ad odiarsi a morte e prima o poi succede l’irreparabile.

Per questo, quando s’inserisce un nuovo elemento in un equipaggio, è necessario assicurarsi che non rompa l’armonia dell’insieme.

Attenzione però! Per trovare la propria collocazione nella scala sociale del gruppo, e per tentare di guadagnare in essa una posizione, i  cani   hanno bisogno  di assumere  inizialmente   alcuni atteggiamenti aggressivi. Ma in genere sono simulazioni. Questi  non vanno repressi e bloccati in via assoluta, hanno bisogno del loro sfogo e verrebbero fuori comunque ed in altre circostanze. Vanno invece tenuti sotto controllo, mediando e canalizzando con opportune tecniche il rafforzamento sociale di ogni singolo individuo, mantenendo sempre e comunque noi  una  forte supremazia sull’intera muta. 

Il cane che destabilizza di continuo, che non ci ascolta,  seppur bravo va escluso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

  

 

L’inserimento nell’equipaggio di un nuovo soggetto Va sempre vagliato con attenzione. Dovrà essere graduale e monitorato costantementeva affinché non crei delle erosioni all’equilibrio relazionale del gruppo.  Non è raro infatti che un soggetto inadatto destabilizzi le dinamiche relazionali del gruppo, sconvolgendone gli equilibri e compromettendone la resa e lo stile.

 

 

,

Autori:

  • Franco Serpentini
  • Stefano Quercetani
  • Aurelio Pase

Collaborano:

  • Carlos Antuñano Diez
  • Mihajlo Hadži-Pavlović
  • Fausto Pezzedaz Trentini
  • Gianluca Petrucci
Ghermire una vita, a qualsiasi specie animale appartenga, è sempre un atto di responsabilità estrema e, o lo si compie con bestiale inconsapevolezza, cosa che non ci rende uomini, o ci si interroga ed allora bisogna darsi risposte profonde.
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Franco Serpentini Via Ponte San Giovanni 36 64100 TERAMO