Videoenciclopedia della caccia al cinghiale
Videoenciclopedia della caccia al cinghiale

Orma e tracce della scrofa

  • La scrofa appartata per partorire

Quando la scrofa è sul punto di partorire, si apparta separandosi completamente dal branco e non partecipando più alle scorrerie. Evita persino di alimentarsi per qualche giorno.

Si cerca un anfratto asciutto, dove apparecchia ciuffi d’erba come per un nido. Resterà lì fino a quando i lattonzoli non saranno in grado di camminare bene.

La scrofa adulta che ha partorito sembra un cane da guardia in difesa della sua prole, pronta a scattare ed a minacciare qualsiasi intruso, uomo compreso. Il suo atteggiamento è inconfondibile e va immediatamente allontanato il cane.

 

  • La scrofa con i lattonzoli 

Lascia a terra una traccia dall’estensione relativamente ristretta. 

A volte i cani hanno difficoltà a recepire l’usta dei piccoli che, se trovati, afferrano ed uccidono all’istante.

Occorre lasciare tranquille le scrofe con i piccoli. Sono un pericolo per i cani (li inseguono fino a trenta metri per farne scempio) e sono un disonore per il cacciatore che le abbatte.

 

Autori:

  • Franco Serpentini
  • Stefano Quercetani
  • Aurelio Pase

Collaborano:

  • Carlos Antuñano Diez
  • Mihajlo Hadži-Pavlović
  • Fausto Pezzedaz Trentini
  • Gianluca Petrucci
Ghermire una vita, a qualsiasi specie animale appartenga, è sempre un atto di responsabilità estrema e, o lo si compie con bestiale inconsapevolezza, cosa che non ci rende uomini, o ci si interroga ed allora bisogna darsi risposte profonde.
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Franco Serpentini Via Ponte San Giovanni 36 64100 TERAMO