Videoenciclopedia della caccia al cinghiale
Videoenciclopedia della caccia al cinghiale

La pelatura a caldo

Agli albori di questa caccia,  il primo sistema adoperato in Maremma per fare le parti ad ognuno dei partecipanti, era un modo molto veloce e sbrigativo: tagliare le carni con un pennato direttamente su un ciocco di legno con tutto il pelo.

Successivamente, poi, si passò a pelare l’animale: la cosddetta "pelatura a caldo". Questo metodo viene usato ancora oggi da alcune squadre.

 

Silvio, caposquadra della Fastidiosa di Tatti, in provincia di Grosseto, ci racconta come si faceva qualche anno fa: il metodo suggerisce l’immersione per un’ora in un caldaio di acqua bollente e quindi una rasatura con coltellacci o pietre taglienti e aguzze.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In alcune regioni la pelatura a caldo viene effettuata con  il cannello a gas usato per la posa in opera della guaina in catrame da impermeabilizzazione.

Autori:

  • Franco Serpentini
  • Stefano Quercetani
  • Aurelio Pase

Collaborano:

  • Carlos Antuñano Diez
  • Mihajlo Hadži-Pavlović
  • Fausto Pezzedaz Trentini
  • Gianluca Petrucci
Ghermire una vita, a qualsiasi specie animale appartenga, è sempre un atto di responsabilità estrema e, o lo si compie con bestiale inconsapevolezza, cosa che non ci rende uomini, o ci si interroga ed allora bisogna darsi risposte profonde.
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Franco Serpentini Via Ponte San Giovanni 36 64100 TERAMO