Videoenciclopedia della caccia al cinghiale
Videoenciclopedia della caccia al cinghiale

Habitat

Solitamente predilige la macchia più fitta, dove si rimette e si alimenta al riparo dagli occhi indiscreti e dai predatori. Ma non disdegna neanche i coltivi. La grande abbondanza di cibo ed il  terreno più morbido sono per lui un richiamo irresistibile, soprattutto nei mesi di freddo e neve, nei mesi di scarsità alimentare in montagna o nei periodi riproduttivi.

Per raggiungere le zone dove il clima è più mite, o gli alimenti più abbondanti, così da garantire la sopravvivenza dei nuovi nati, può compiere anche lunghi spostamenti fino a colonizzare nuove aree che consentano migliori condizioni di sopravvivenza.

Un fosso con rovi e cannucce, così come un calanco, purché con abbondante presenza di acqua e fango, sono sufficienti come zona di rimessa. Un naso sufficientemente allenato, con il vento favorevole, può percepire a distanza le sue “odorose” lestre, se occupate.

 

Autori:

  • Franco Serpentini
  • Stefano Quercetani
  • Aurelio Pase

Collaborano:

  • Carlos Antuñano Diez
  • Mihajlo Hadži-Pavlović
  • Fausto Pezzedaz Trentini
  • Gianluca Petrucci
Ghermire una vita, a qualsiasi specie animale appartenga, è sempre un atto di responsabilità estrema e, o lo si compie con bestiale inconsapevolezza, cosa che non ci rende uomini, o ci si interroga ed allora bisogna darsi risposte profonde.
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Franco Serpentini Via Ponte San Giovanni 36 64100 TERAMO