Videoenciclopedia della caccia al cinghiale
Videoenciclopedia della caccia al cinghiale

La traccia

Il cinghiale è un animale tendenzialmente pesante, che lascia delle buone impronte sul terreno. I suoi taglienti zoccoli ed i suoi unghielli acuminati riescono a scalfire anche un terreno particolarmente ostico  ed un occhio allenato riesce a percepirne i minimi segni: una scalfittura, lo schiacciamento di una piantina, una strisciata sull’erba, un segno di zanna su un tronco, tutto contribuisce a tradirne la presenza o il transito.

 

Dalla tipologia delle orme e dal tipo di groviglio si riesce a stabilire finanche di che tipo di animale si tratti (adulto o sub-adulto, maschio,  femmina ecc.). Difatti anche il percorso e  le modalità di pastura e di movimento tendono a differenziarsi. Anche il modo in cui rompe la lestra ed il tipo di allogazione in essa sono significativi, così come sono significative le traiettorie che segue e le strategie che adotta  una volta che è stato messo in movimento.

Ma occorre avere molto senso del selvatico e molti anni di esperienza per riuscire ad interpretare bene  ed in modo inconfutabile una traccia. Il vero cacciatore è un “esegeta della natura”. Egli non ama uccidere il selvatico, ma capirlo, interpretarlo, intuirlo per anticiparlo e, solo infine, prelevarlo. Solo in questo modo la matrice culturale dell’attività venatoria, intesa come raffinata pratica di una vera forma d’arte: l’Ars Venandi appunto, trova la sua più elegante espressione.

 

Autori:

  • Franco Serpentini
  • Stefano Quercetani
  • Aurelio Pase

Collaborano:

  • Carlos Antuñano Diez
  • Mihajlo Hadži-Pavlović
  • Fausto Pezzedaz Trentini
  • Gianluca Petrucci
Ghermire una vita, a qualsiasi specie animale appartenga, è sempre un atto di responsabilità estrema e, o lo si compie con bestiale inconsapevolezza, cosa che non ci rende uomini, o ci si interroga ed allora bisogna darsi risposte profonde.
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Franco Serpentini Via Ponte San Giovanni 36 64100 TERAMO