Videoenciclopedia della caccia al cinghiale
Videoenciclopedia della caccia al cinghiale

Il materiale necessario

Il trasporto e il trattamento dell’animale abbattuto non sempre possono essere eseguiti celermente. Per questo è buona norma portare sempre con sé l’occorrente per procedere sul posto alle prime fondamentali operazioni necessarie a rallentare i processi di deterioramento e di contaminazione delle carni.

Il necessario non è di eccessivo ingombro e la procedura, acquisendo un po’ di pratica, è semplice e veloce.

 

COSA PORTARE

  • Guanti monouso in lattice
  • Contenitore numerato in plastica, con coperchio a vite, per i campioni da sottoporre ad analisi sanitaria.
  • Coltello. Non occorre che la lama sia grande, ma robusta ed affilata.
  •  Cinque o sei fascette in plastica da elettricista (del tipo fermacavo), da usare  per la ricucitura della carcassa in caso la si debba trascinare.
  • Telo leggero (due metri per due) per coprire la carcassa e difenderla dalle mosche se c’è da aspettare; ottima anche la retina fitta, ma questa va posizionota frappontendo prima dei piccoli rami in modo che non sia troppo aderente.

 

 

Autori:

  • Franco Serpentini
  • Stefano Quercetani
  • Aurelio Pase

Collaborano:

  • Carlos Antuñano Diez
  • Mihajlo Hadži-Pavlović
  • Fausto Pezzedaz Trentini
  • Gianluca Petrucci
Ghermire una vita, a qualsiasi specie animale appartenga, è sempre un atto di responsabilità estrema e, o lo si compie con bestiale inconsapevolezza, cosa che non ci rende uomini, o ci si interroga ed allora bisogna darsi risposte profonde.
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Franco Serpentini Via Ponte San Giovanni 36 64100 TERAMO