Videoenciclopedia della caccia al cinghiale
Videoenciclopedia della caccia al cinghiale

LA SAGACIA

Il termine sagacia ha anche altri significati, come per esempio la “capacità di capire e risolvere situazioni”. Sinonimi ne sono: acume, perspicacia.
In cinegetica, al di là di ciò che riportano erroneamente alcuni testi, è più corretto intendere con il termine “sagacia” la capacità nel cane di associare funzionalmente la portata olfattiva all’intelligenza e all’esperienza (nell’uomo intelligenza-conoscenza-esperienza). 
La sagacia si manifesta per esempio nel cane nell’atto di districare un groviglio o nel trovare l’uscita da una pastura, nel riconoscere il verso corretto della traccia, nel riconoscere una dritta, ed altro. 
Nei segugi da lepre la sagacia è tra i primi parametri di cui si tiene conto in sommo grado, sempre nell’ambito delle rispettive caratterizzazioni dei soggetti. Si pensi per esempio al cane che arriva sulle doppie della lepre, le riconosce e le appalesa con comportamenti fisici e vocali del tutto specifici, e sa a quel punto elaborare il dato e mettere a frutto la propria esperienza finalizzandola allo scovo.
Il cane dotato di scarsa sagacia è viceversa quel soggetto che, seppur dotato di grande olfatto, scarseggia in intelligenza o in esperienza, o in entrambe, non riuscendo ad elaborare il dato olfattivo per portare a compimento l’azione. Si pensi ad esempio ad un soggetto dotato di grande naso, tanto da rilevare la più flebile emanazione, ma che non sa seguire il filo.
L’olfatto si appoggia esclusivamente sulle peculiarità naturali del soggetto; la sagacia sulla sua intelligenza (in parte dote naturale) e sull’esperienza (formazione).
Allo stesso modo non è detto che cani molto generosi di voce si rivelino poi soggetti dotati di sufficiente sagacia. E questo i nostri vecchi maestri lo sapevano bene. Anzi a volte è proprio il contrario, come per l'uomo: "chi troppo chiacchiera poco pensa". Il cane sagace è di solito un cane parco, riflessivo, che sa elaborare correttamente il dato olfattivo e che segna vocalmente solo a ragion veduta.

Autori:

  • Franco Serpentini
  • Stefano Quercetani
  • Aurelio Pase

Collaborano:

  • Carlos Antuñano Diez
  • Mihajlo Hadži-Pavlović
  • Fausto Pezzedaz Trentini
  • Gianluca Petrucci
Ghermire una vita, a qualsiasi specie animale appartenga, è sempre un atto di responsabilità estrema e, o lo si compie con bestiale inconsapevolezza, cosa che non ci rende uomini, o ci si interroga ed allora bisogna darsi risposte profonde.
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Franco Serpentini Via Ponte San Giovanni 36 64100 TERAMO