Videoenciclopedia della caccia al cinghiale
Videoenciclopedia della caccia al cinghiale

La cacciarella

Quando le squadre da battuta non  raggiungono,  per scelta o necessità,  consistenze numericamente molto elevate,  ecco che possiamo parlare di  cacciarella (o caccerella).

Questa,  dato il numero ridotto dei partecipanti, pur conservando molti aspetti tecnici della battuta, si distingue da essa anche perché si svolge su di un territorio d’azione meno ampio e per l’impiego di un numero  di cani e canai molto più modesto.

Tuttavia i canai  mantengono la loro funzione complementare di scaccioni (battitori) e paratori, coadiuvando la percussione dei cani con urla e fucilate a salve.

Anche qui, come nella battuta,   i cani sono prevalentemente da spinta, ma in alcune realtà è consentito  tirare a fermo quando capita l’occasione.

I postaioli conservano la loro impostazione frontale. La linea dei fucili viene però disposta a  maglia più larga e solo in posizione di sbarramento sulle direttrici di fuga ritenute più probabili dal capocaccia; quindi non a chiusura ermetica dell’intera zona.

 

Autori:

  • Franco Serpentini
  • Stefano Quercetani
  • Aurelio Pase

Collaborano:

  • Carlos Antuñano Diez
  • Mihajlo Hadži-Pavlović
  • Fausto Pezzedaz Trentini
  • Gianluca Petrucci
Ghermire una vita, a qualsiasi specie animale appartenga, è sempre un atto di responsabilità estrema e, o lo si compie con bestiale inconsapevolezza, cosa che non ci rende uomini, o ci si interroga ed allora bisogna darsi risposte profonde.
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Franco Serpentini Via Ponte San Giovanni 36 64100 TERAMO